Cerca
  • Biella Master

I masterinisi raccontano


I masterini della XXXI Edizione insieme al Tutor Ing. Schiapparelli

Sono soddisfatti di quanto ap- preso fino a questo momento e desiderosi di proseguire il loro percorso i quattro partecipanti alla XXXI edizione del “Biella Master delle fibre nobili”.


“Sono molto contento e sto scoprendo una realtà che, pur essendo biellese, non conoscevo – commenta Edoardo Verani – è molto interessante inoltre, grazie alle esperienze che stiamo facendo nelle aziende, vedere l’applicazione nella realtà di quanto ci è stato spiegato in aula. Siamo sempre affiancati da un referente dell’azienda che ci permette di approfondire i diversi aspetti del lavoro. Sono rimasto particolarmente affascinato dal finissaggio, ossia tutta la parte relativa alla nobilitazione del tessuto, perché richiede una particolare attenzione e capacità di valutazione”.

Molto felice di essere stata scelta per partecipare al corso e soddisfatta di come sta procedendo è anche Arianna Galleran, che sta apprezzando la straordinaria opportunità di entrare in aziende storiche del tessile:

“Osservando direttamente il lavoro che vi si svolge mi sono resa conto che è certamente una produzione industriale, ma che conserva anche importanti aspetti artigianali che si legano all’esperienza. E' molto affascinante vedere con i propri occhi il prodotto che prende forma ed è altrettanto interessante ascoltare coloro che lavorano all’interno delle aziende e che ci svelano curiosità e aneddoti impossibili da trovare nei libri”.

All’aspetto umano e all’esperienza si collega anche il pensiero di Elisa Valle: “E' bellissimo ascoltare le persone che incontriamo e cogliere tutta la passione che c’è dietro al loro lavoro. Abbiamo la possibilità di confrontarci con tutti, dall’operaio all’amministratore delegato, e da tutti riceviamo informazioni preziose e diverse. Mi ha particolarmente affascinata la tessitura, in cui il semplice filo diventa un tessuto omogeneo”.

“Sto scoprendo la complessità che c’è dietro alla creazione dei tessuti – conclude Dina Carlino – un tema che mi affascina da sempre, a partire dai racconti mitologici di Atena e Aracne. Nel mio percorso di studi ho fatto anche una tesi sul tessile e vederne la produzione in modo così diretto è bellissimo. Molto affascinante è anche scoprire come questa tradizione antica si evolva continuamente adattandosi a nuove esigenze, tecniche e prestazioni”.
41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti